da M. Porro del Corriere della sera “Il Profeta”

Pubblicato in Blog lunedì 29 marzo 2010

Vincitore prima a Cannes e poi decorato con molti César, il film di Audiard è già un classico del cine carcerario, dove matura e si svolge un conflitto di potere che ha le stesse dinamiche della società libera e capitalista. Una lotta di disumana violenza, ma la resistibile ascesa del “profeta” Malik andrà a buon fine. Il regista usa gli occhi, la bocca e la furberia esprimendo la rivalsa naif di immigrati nord africani per battere i fratelli corsi. Da vedere e imparare

Maurizio Porro
22 marzo 2010

Home Page