Da sabato 12 luglio 2014

La neve nera – Luigi Di Ruscio a Oslo, un’italiano all’inferno-

  • un film di Paolo Marzoni
  • con AA.VV.
  • Genere: Film-Documentario biografico
  • Durata: 63 min.
  • Paese: Italia 2014.
Sinossi:
La neve nera racconta un viaggio alla ricerca delle tracce di un amico ormai scomparso, Oslo innevata la
meta. A viaggiare dalle Marche alla Scandinavia e, immaterialmente, nelle memorie, nelle lettere, tra gli
scritti di Luigi Di Ruscio, è il più giovane scrittore e amico Angelo Ferracuti. Li unisce la comune origine
fermana, un’intesa che dura da quattro decenni, fondata sulla comune fede politica e, soprattutto, sull’ammirazione
di Angelo per Luigi scrittore.
Il film racconta una pagina inedita dell’emigrazione italiana. Quella in Norvegia è un’appendice dell’emigrazione
in Svezia. Tuttavia, mentre in Svezia si è assistito alla formazione di comunità italiane di una certa
consistenza, in Norvegia, dato l’esiguo numero dei nostri connazionali, nonché la loro dispersione sul territorio,
non si è mai arrivati alla formazione di una comunità consistente tale da poter costituire un gruppo
sociale di pressione per il mantenimento di alcune componenti fondamentali delle proprie tradizioni culturali
e linguistiche.
Durante questo viaggio, Angelo si reca nei luoghi frequentati da Luigi: il quartiere multietnico di Grønland,
quello più amato, con i suoi negozi; il grande spiazzo dove rimangono solo le macerie della Spigerverk, la
fabbrica per cui Luigi lavorò 40 anni; il viale in cui sorgeva la discoteca “Regnbue”, in cui si svolsero le innumerevoli
ed epiche scazzottate tra ragazzi italiani e norvegesi.
Intrecciati a questi luoghi fisici, gli spazi degli affetti, del quotidiano, dell’intimità, dei ricordi, della lotta: la
famiglia, le fotografie, la comunità italiana di Oslo, la fabbrica dei chiodi.
Nel progredire del viaggio, mostrandoci la vita, la vicenda letteraria e umana di Luigi Di Ruscio; gli autori
ricostruiscono la memoria di una esperienza letteraria particolarissima durata oltre mezzo secolo, e il conseguente
isolamento linguistico che ne è derivato.

La neve nera racconta un viaggio alla ricerca delle tracce di un amico ormai scomparso, Oslo innevata lameta. A viaggiare dalle Marche alla Scandinavia e, immaterialmente, nelle memorie, nelle lettere, tra gliscritti di Luigi Di Ruscio, è il più giovane scrittore e amico Angelo Ferracuti. Li unisce la comune originefermana, un’intesa che dura da quattro decenni, fondata sulla comune fede politica e, soprattutto, sull’ammirazionedi Angelo per Luigi scrittore.Il film racconta una pagina inedita dell’emigrazione italiana. Quella in Norvegia è un’appendice dell’emigrazionein Svezia. Tuttavia, mentre in Svezia si è assistito alla formazione di comunità italiane di una certaconsistenza, in Norvegia, dato l’esiguo numero dei nostri connazionali, nonché la loro dispersione sul territorio,non si è mai arrivati alla formazione di una comunità consistente tale da poter costituire un grupposociale di pressione per il mantenimento di alcune componenti fondamentali delle proprie tradizioni culturalie linguistiche.Durante questo viaggio, Angelo si reca nei luoghi frequentati da Luigi: il quartiere multietnico di Grønland,quello più amato, con i suoi negozi; il grande spiazzo dove rimangono solo le macerie della Spigerverk, lafabbrica per cui Luigi lavorò 40 anni; il viale in cui sorgeva la discoteca “Regnbue”, in cui si svolsero le innumerevolied epiche scazzottate tra ragazzi italiani e norvegesi.Intrecciati a questi luoghi fisici, gli spazi degli affetti, del quotidiano, dell’intimità, dei ricordi, della lotta: lafamiglia, le fotografie, la comunità italiana di Oslo, la fabbrica dei chiodi.Nel progredire del viaggio, mostrandoci la vita, la vicenda letteraria e umana di Luigi Di Ruscio; gli autoriricostruiscono la memoria di una esperienza letteraria particolarissima durata oltre mezzo secolo, e il conseguenteisolamento linguistico che ne è derivato.



Orario:
21° PREMIO LIBERO BIZZARRI
SAN BENEDETTO DEL TRONTO

in concorso al 21° PREMIO LIBERO BIZZARRI SAN BENEDETTO DEL TRONTO

Giovedì 24 luglio: 22.00

Palazzina Azzurra – Viale Buozzi 14

Air Terminal

Sabato 23 Agosto: 21.00

Terminal via Tomassoni zona maxi parcheggio, Fermo

Saranno presenti il regista Paolo Marzoni, lo scrittore Angelo Ferracuti e l’autore delle musiche Daniele Di Bonaventura.

e ancora

La Punta della Lingua – Poesia Festival 2014

IX edizione, Ancona e Portonovo, 24-29 agosto

Home Page