Da venerdì 26 aprile 2013

Viaggio da sola

  • un film di Maria Sole Tognazzi
  • con Margherita Buy, Stefano Accorsi, Fabrizia Sacchi, Gianmarco Tognazzi, Alessia Barela.
  • Genere: Commedia sentimentale
  • Durata: 85 min
  • Paese: Italia 2012
Sinossi:

Un film di Maria Sole Tognazzi. Con Margherita Buy, Stefano Accorsi, Fabrizia Sacchi, Gianmarco Tognazzi, Alessia Barela.

 Genere Commedia sentimentale, produzione Italia, 2012. Durata 85 minuti circa

Irene è un’ispettrice alberghiera che valuta e giudica le prestazioni di hotel di lusso. Pignola e scrupolosa, soggiorna nell’albergo di turno all’insaputa di direttori e personale, infilando i guanti bianchi e spiegando il suo kit da lavoro. In volo tra una città e un’altra, Irene viaggia sola e dentro una vita a cinque stelle che le impedisce di mettere radici. A terra l’aspettano Andrea, ex fidanzato ed eterno amico, e Silvia, sorella con marito e prole, che sogna un giorno di vederla ’sistemata’. Attenta ai particolari, Irene sembra però perdere il quadro generale. Il decesso di un’antropologa conosciuta nella spa di un hotel berlinese la precipita nel caos, disorientandola come i direttori che ammonisce.
Dopo l’uomo solo di Favino, dentro una storia sentimentale che finisce, Maria Sole Tognazzi sceglie una protagonista femminile e la imbarca letteralmente nel mondo. Perché l’Irene di Margherita Buy è una cittadina dell’airworld che ha fatto dei non-luoghi la sua dimora mobile. Una donna che rifiuta la stasi e preferisce le zone liminali all’inquietante certezza della vita ‘normale’. Angelo sterminatore a terra, Irene bacchetta con stile e discrezione chi dovrebbe offrire ai propri clienti un’esperienza indimenticabile, invitandoli a riconsiderare la gestione dell’albergo e a organizzarlo in modo migliore. Proprio come farà con la sua vita, in cui persevera determinata a bastarsi.
Almeno fino a quando non incontra una donna che come lei viaggia sola, affetta dal suo stesso nomadismo. Le parole e le teorie dell’antropologa, conosciuta ammollo in una spa, abbassano le sue difese, interrompendo la gestualità rituale e precipitandola nel ‘disordine’. E in quel disordine Viaggio sola rivela la sua originalità, scartando i cliché della commedia sentimentale come un cliente occasionale di un albergo esotico devierà il desiderio per Irene, corteggiata davanti a un bicchiere di vino servito intempestivamente. L’esecutrice intransigente ha un punto debole nella solitudine a cui fa da contrappunto la vita ‘familiare’ della sorella, moglie e madre dentro il quotidiano. Vivere negli interstizi rende difficile entrare in intimità con l’altro, stringere relazioni autentiche, nutrire un sentimento ma d’altra parte l’umano non può godere di tutto, non può avere tutto, non può essere tutto.
Quello che caratterizza Irene è l’esperienza del limite e quello che intende il bel film della Tognazzi è la capacità di misurarsi con quel limite e con la propria solitudine, la capacità di restare soli, la capacità di accettarlo. La risposta a cui giungerà non la sposterà più in là perché Irene è esattamente dove vuole essere e quello che vuole essere. La crisi, sfogata nell’amplesso con l’ex compagno, la risveglia consapevole o più consapevole delle decisioni prese. Irriducibile a una vita ordinaria, la protagonista (ac)coglie fino in fondo la sua natura sfuggente e l’asseconda dicendosi ad alta voce le rinunce ma pure la grande bellezza della scelta, della vocazione, della (propria) passione.
Il senso del film vive tutto negli occhi e nel portamento di Margherita Buy che fa del suo corpo il paradigma di una possibile modernità del femminile. Accanto a lei il passo indolente e spaesato di Stefano Accorsi e quello smagrito e irrequieto di Gianmarco Tognazzi, disorientati e accoglienti tra un ortaggio virtuale e uno reale. Coltivatori indiretti del maschile. Di un maschile che prova a essere migliore.



Orario:

Venerdì 26 aprile: 21.30

Sabato 27 apr: 18.30 – 20.30 – 22.30

Domenica 28 apr: 16.30 – 18.30 – 20.30 – 22.30

Lunedì 29 apr: 21.30

Martedì 30 apr: 21.30

Home Page