THE STORY OF FILM

Pubblicato in Blog martedì 16 ottobre 2012

Cinema Sala degli Artisti – Fermo

Via Mameli, 2

www.saladegliartisti.com

tel. 0734.221714

INGRESSO

Biglietto giornaliero

(valido per 2 o 3 spettacoli)

7,00 € intero /5,00 € ridotto

Abbonamento 7 serate e 15 spettacoli

25 euro

DAL 23 OTTOBRE, TUTTI I MARTEDI’,

APPUNTAMENTO CON LA STORIA DEL CINEMA RACCONTATA

ATTRAVERSO L’INNOVAZIONE CINEMATOGRAFICA

PROGRAMMA

23 Ottobre
ore 20.30
ep.1- 1895-1918- Il mondo scopre una nuova forma d’arte

1903-1918- Il brivido diventa racconto

Nel New Jersey, Thomas Edison scopre come una serie d’immagini proiettate in successione all’interno di una scatola è in grado di dare l’illusione del movimento, mentre a George Eastman viene l’idea di avvolgere la pellicola in rulli. A Parigi, in un piccolo edificio della Boulevard des Capucines, i fratelli Liumiére proiettano il loro primo film, scatenando il panico in sala. Agli albori del cinema, un viaggio tra l’ingegno e l’intuizione di uomini straordinari.

ore 21.45
ep.2- 1918-1928- Il trionfo del cinema americano e suoi primi ribelli
Mentre Hollywood diventa il luogo per eccellenza dell’industria cinematografica, gli artisti che lo popolano splendono di luce propria. Attori del calibro di Charlie Chaplin e Buster Keaton, star indiscusse come Robert Flaherty ed Eric Von Stroheim diventano i motori che muovono l’affascinante macchina del cinema, lasciando un’impronta indelebile nei ruggenti anni Venti.

30 Ottobre
ore 20.30
ep.3- 1918-1932- I grandi registi ribelli nel mondo
Per l’industria del cinema, gli anni Venti rappresentano un’epoca d’oro: da Parigi a Berlino, da Mosca a Shanghai e Tokyo, sette gruppi di artisti “ribelli” si cimentano con la nuova forma d’arte, facendo del cinema il loro laboratorio di sperimentazione e radicale trasformazione.

ore 21.45
ep.4- Gli Anni ‘30. I grandi film americani di genere e la brillantezza dei film europei
Come una rivoluzione, l’avvento del sonoro agita l’industria cinematografica, mutandone le forme e i contenuti. Nuovi generi si affacciano all’orizzonte: delle commedie agli western, passando per i musical e gli horror; il pubblico sogna attraverso “Via col vento” e lascia ad Alfred Hitchcock il compito di affollare i propri incubi.

6 Novembre
ore 20.30
ep.5- 1939-1952- La devastazione della guerra e un nuovo linguaggio filmico
Mentre la Seconda Guerra Mondiale è in corso, l’industria cinematografica continua la sua incessante marcia. Un cammino ricostruito fedelmente da Paul Schrader, Robert Towne e Stanley Donen, una riflessione che da “Quarto potere” e “Cantando sotto la pioggia” attraversa il decennio più controverso della storia del cinema.

ore 21.45
ep.6- 1953-1957- Il racconto enfatico. Il cinema mondiale sul punto di esplodere
Nuovi sex symnbol dominano la scena del secondo dopoguerra: James Dean e Marlon Brando infiammano il pubblico femminile, la passione diventa l’elemento centrale nelle pellicole di tutto il mondo. Così anche l’oriente esprime fascino grazie ad attrici come Kyoko Kagawa e registi d’incredibile talento come Satyajit Ray e Akira Kurosawa.

13 Novembre

ore 20.30
ep.7- 1957-1964- La scossa del Nuovo. Forme moderne di cinema nell’Europa occidentale

Nel dopoguerra, l’Italia s’impone sullo scenario internazionale: Claudia Cardinale celebra il Maestro Federico Fellini, mentre Bernardo Bertolucci rievoca la collaborazione con Pier Paolo Pasolini. Da Bergman al cinema francese, il meglio dell’arte europea a cavallo tra gli anni Cinquanta e Sessanta.

ore 21.45
ep.8- 1965-1969- Le “Nouvelles Vagues”. Nuove ondate si propagano nel mondo
A Hollywood, negli anni Sessanta, pellicole come “Easy Rider” e “2001: Odissea nello spazio” spalancano le porte ad una nuova era cinematografica: nel mondo, figure come quelle di Roman Polanski Andreji Tarkovskij e Nagisa Oshima ottengono fama e riconoscimenti, mentre si affacciano sullo scenario internazionale nuovi registi provenienti dall’Africa e dall’India.

27 Novembre

ore 20.30
ep.9- 1967-1979- Il Nuovo Cinema Americano

Gli anni Sessanta consacrano il successo di Dustin Hoffman: Buck Henry, autore de “Il laureato”, ci racconta la genesi del film e le ragioni del suo incredibile fascino, mai tramontato. E mentre Paul Schrader ci traghetta all’interno di “Taxi Driver” e Robert Towne ci rivela il lato oscuro dietro “Chinatown”, una nuovo corrente prende forma all’interno degli Stati Uniti: nasce il Black American Cinema.

ore 21.45
ep. 10- 1969-1979- I registi radicali neglia Anni ‘70 raccontano lo stato della Nazione
Partendo dalla Germani a con Wim Wenders, per approdare all’Inghilterra di Ken Loach, vengono presentati i registi che partendo dall’Italia, dall’Australia e dal Giappone, hanno esportato il loro talento in tutto il mondo. Un viaggio nell’Europa degli anni Settanta, con una panoramica sul cinema nascente in Africa e Sud America.

4 Dicembre
ore 20.30
ep.11- Gli anni ‘70 e oltre. Nuovi linguaggi nel cinema popolare
Gli anni Settanta si rappresentano come anni innovativi e d’incredibile sperimentazione: “Star Wars”, “Lo Squalo” e “L’esorcista” rappresentano solo alcuni esempi dell’intensa produttività di questo decennio, una decade dominata dall’avvento di Bollywood e dalla dirompente energia di Bruce Lee, capace d’influenzare ancora oggi il cinema contemporaneo.

ore 21.45
ep.12- Gli anni ‘80. Cinema e protesta in giro per il mondo Con Ronald Reagan alla Casa Bianca e Margaret Thatcher a Downing Street, la politica e i moti di protesta si riflettono sul cinema degli anno Ottanta: a parlarne è John Sayles, che rivelerà come le insurrezioni di Piazza Tienanmen, il crollo dell’Unione Sovietica e le rivoluzioni interne dell’Europa dell’Est abbiano cambiato per sempre il volto del cinema.

13 Dicembre
ore 19.00
ep. 13- 1990-1998- Gli ultimi giorni della celluloide prima dell’arrivo del digitale
Gli anni Novanta rappresentano un’età d’oro del cinema mondiale: da Abbas Kiarostami e il suo realismo a Shinji Tsukamoto e il cinema horror, passando per la cinematografia controversa di Lars Von Trier e la violenza delle immagini di Takashi Miike, un decennio spettacolare e di grandi trasformazioni nel cinema mondiale.

ore 20.30
ep. 14- Gli anni ‘90. I primi giorni del digitale. La realtà perde la concretezza in America e in Australia

Un decennio che non smette di stupire; i magnifici anni Novanta sono dominati dalle figure di Tarantino e dalla freschezza dei suoi dialoghi, dalla potenza dei fratelli Coen e dall’emergente cinema australiano di Baz Luhrmann. E così, avvicinandosi al nuovo millennio, anche il cinema è pronto ad affrontare un salto di qualità, spalancando le porte al digitale.

ore 21.45
ep.15- Gli anni 2000 e oltre. Il cinema completa il giro: il futuro dei film
Superato l’11 Settembre, il cinema abbraccia nuove tematiche, scavando in profondità all’interno della società, delle sue contraddizioni e fantasie. II sogno diventa così oggetto d’interesse per registi come David Lynch e Christopher Nolan, mentre l’Oriente si abbandona ad una cinematografia sempre più innovativa. Una riflessione sul presente e sul percorso che il cinema intraprenderà nell’imminente futuro.

2 Commenti a “THE STORY OF FILM”

  1. Paolo scrive:

    Per tutti gli amanti del ciinema una fantastica avventura attraverso la storia del cinema che arricchendo le tue conoscienze ti cambia completamente la maniera di percepire un film, ho già visto 6 episodi e non potrò mancare di continuare l’odissea. Paolo

  2. Sala degli Artisti scrive:

    Consiglio vivamente questo evento imperdibile che ripercorre tutte le tappe fondamentali del cinema partendo dagli esordi per poi puntare i riflettori sui ruggenti anni venti. Il viaggio prosegue poi attraverso i decenni successivi per arrivare agli anni cinquanta segnati dal fenomeno del divismo fino ad arrivare ai giorni nostri. Inoltre è spettacolare come Cousins non si sia limitato a riproporre sequenze o spezzoni di film commentandoli. È andato nei luoghi dove sono stati girati i più importanti e significativi per ricercarne le tracce. Per quanto riguarda poi le testimonianze ha fatto un lavoro prezioso andando a ricercare coloro che avevano partecipato alla realizzazione dei film sia che fossero registi (preziose le dichiarazioni attuali di Stanley Donen ad esempio) sia che si trattasse di sceneggiatori, direttori della fotografia, attori ecc.

Lascia un Commento

Home Page