Da venerdì 17 dicembre 2010

La bellezza del somaro

  • un film di Sergio Castellitto
  • con Sergio Castellitto, Laura Morante, Enzo Jannacci, Marco Giallini, Barbora Bobulova
  • Genere: Commedia
  • Durata: 107 min
  • Paese: Italia 2010
Sinossi:

Marcello e Marina sono una coppia molto affiatata: lui architetto, lei psicologa. Moderni, dinamici, dialogici, ecosolidali, tolleranti, sembrano molto soddisfatti del loro percorso. L’età avanza ma lieve, come tutto il resto. Sono i genitori illuminati di Rosa, figlia diciassettenne di oggi, un po’ dispotica ma affettuosa con i genitori e brava in greco… Rosa è il futuro, il filo lanciato lontano. Poi ci sono gli amici di Marina e Marcello, i vecchi amici del liceo, con un po’ di “panza” o un po’ di calvizie: un coro scapestrato di ordinaria follia contemporanea. Il manager Valentino, depresso, assente nella vita, presente nel business, sua moglie Raimonda, preside di un istituto tecnico, un pezzo di donna robusta, invadente, dai modi spicci e dalla risata tsunamica. Duccio, cardiologo appesantito dagli anni e dalla vita da “cicalone”, messo in mutande da una separazione recente. Delfina, la prima moglie di Duccio, giornalista, inviata di guerra e in guerra con tutti. Infine il coro dei ragazzi: Franci Palla, la cicciotta amica del cuore di Rosa, Aldo, il figlio di Valentino e Raimonda, amante dei fast food e dei serpenti esotici, Luca, figlio di Duccio e Delfina nonché fidanzatino di Rosa, carino, somaro a scuola, nervosetto, rincretinito di canne.
La storia inizia con una crisi sentimentale proprio tra Rosa e Luca che si consuma durante la festa dei cinquant’anni di Marcello. Gli amici brindano, cantano al karaoke La Miniera dei New Trolls. Luca fa un’improvvisata nella festa degli adulti. Rosa non c’è. Quando ritorna vestita da collegiale svizzera con il kilt e il cerchietto nei capelli in compagnia del guerriero Aldo, litigano perché lei gli ha mentito. Si lasciano. Poi salta fuori l’altro. Rosa confida a Marina che sì, un altro fidanzatino c’è ma…..Ha paura di venir giudicata dai suoi genitori. I genitori discreti, rispettosi, non chiedono, però friggono di curiosità. Siamo a novembre, weekend del ponte dei morti. I Sinibaldi si trasferiscono nella casa di campagna in Toscana con gli amici. Rosa ha accettato di invitare il nuovo fidanzato. Sul grande pratone davanti al casale sbarcano ad uno ad uno gli ospiti. Marina ha invitato anche sua mamma (Erica Blanc) che non perde occasione per mortificarla, e due affezionati pazienti, di quelli a rischio, che non possono essere lasciati soli proprio nel ponte dei morti: Lory, una burrosa animatrice d’infanzia che soffre di manie di persecuzione, e Ettore Maria, un vero persecutore, ossessionato dall’idea della morte, che ha portato con sé il dvd del Settimo Sigillo di Ingmar Bergman. Marcello allarga le braccia, sorride alla moglie, accoglie i matti con amicizia. Loro sono accoglienti, amano questa grande famiglia allargata.
Poi ecco i ragazzi. Una City car sgomma sul ghiaino. Scende Nicolò, un ragazzino nero, Franci Palla gli salta al collo. Poi succede qualcosa….l’assurdo si materializza: dalla City car è sceso un altro ospite: ”Papà…lui è Armando.” Ha settant’anni, non li nasconde, è gentile, affidabile, è un vecchio, il vero tabù di questa nostra epoca energetica, competitiva, antiossidante. In due giorni salteranno ad uno ad uno i pezzi del puzzle politically correct che è stata la vita di questa generazione di cinquantenni “troppo giovanili”. Si troveranno, in una esilarante commedia degli equivoci, a fare i conti con se stessi, i loro figli e l’epoca in cui viviamo. Marcello e Marina perdono i pezzi, di colpo si sentono inadeguati, le convinzioni cominciano a vacillare, gli amici infingardi vacillano con loro. In realtà il vecchio è un virus buono che si è infilato in casa per ricordare a tutti che la vecchiaia esiste e prima o poi, speriamo, arriva per tutti. Nell’epilogo tragicomico, il castello di sabbia di questa generazione frana definitivamente. Marcello insulta il vecchio, dà un ceffone alla figlia per la prima volta in vita sua. Marina assiste incredula all’improvviso deragliamento del marito…. Ma ci sarà tempo per una riconciliazione in un finale docile e misterioso. Il vecchio fidanzato della giovane figlia se ne va lasciando un languore e una riflessione sulla vecchiaia, sulla giovinezza e su questa faticosa età di mezzo



Orario:

Sabato: 16.30 – 18.30

Domenica: 20.30 – 22.30

Lunedì, Martedì: 22.30

Home Page